Assicurazioni - Rivista di diritto, economia e finanza delle assicurazioni privateISSN 0004-511X
G. Giappichelli Editore

indietro

stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


Assicurazione sulla vita a favore di terzo e rinuncia all'indennità assicurativa (di Ilaria Riva, Professoressa Associata di Diritto Privato – Università degli Studi di Torino)


PROVVEDIMENTO: Il Tribunale ecc. (Omissis). Con atto di citazione notificato in data 3 novembre 2021 D.V. evocava in giudizio G.A. e, a sostegno della propria domanda, esponeva in sintesi: – che in data 9 novembre 2015 era deceduta V.L., la quale aveva disposto dei propri beni con testamento olografo del 21 aprile 2013, pubblicato in data 23 novembre 2015 a rogito Notaio (Omissis); – che in data 6 aprile 2012 V.L. aveva sottoscritto la polizza vita (…) a premio unico per euro 1.636.000,00, appoggiata presso (…) S.p.A., designando come beneficiari “gli eredi testamentari”; – che i beneficiari della polizza erano indicati all’atto della designazione solo genericamente, in quanto a quella data non risultava confezionato alcun testamento; – che con il citato testamento si disponeva quanto segue: – attribuzione al Concistoro della Chiesa evangelica valdese di Torino del­l’in­tero patrimonio immobiliare; – la nomina quali beneficiarie della liquidazione della polizza vita (…) in parti uguali di G.A. e D.V.; – la devoluzione del residuo degli investimenti e della liquidità presenti presso Unicredit e presso UBI Banca nella dotazione del trust (…) istituito il 5.1.2013, il cui trustee era C.N.; – la nomina di C.N. quale esecutore testamentario; (Omissis) Giova rilevare in primo luogo che non è contestato tra le parti che nella polizza (…) sottoscritta da V.L. siano stati da ultimo indicati come beneficiari per il caso morte gli “eredi testamentari”, che il testamento olografo di V.L., redatto in data 21 aprile 2013 e pubblicato con verbale del 23 novembre 2015 a rogito Notaio (..) abbia disposto come segue: “Io sottoscritta (…), pienamente consapevole di quanto andrò a disporre, desidero fare testamento e, pertanto, dettaglio qui di seguito le mie volontà: attribuisco l’intero mio patrimonio immobiliare, con ogni accessorio e pertinenza, inclusi gli arredi e i mobili contenuti all’interno, alla Chiesa evangelica valdese (…). Nomino beneficiarie in parti uguali della mia polizza (…) le sottoindicate persone a me particolarmente care, G.A. e D.V. Dispongo che la restante parte dei miei investimenti e la liquidità (…), confluiscano, quale dotazione, nel Trust che ho istituito con atto a rogito Notaio (…) in data 5 Febbraio 2013. Quale disposizione a titolo particolare, segrego ed attribuisco detti Investimenti e liquidità al sig. C.N. nella sua qualità di Trustee (…) e a chi sarà trustee al momento dell’apertura della successione. Il trustee utilizzerà detti investimenti e liquidità per l’adempimento del suo ufficio e quindi per realizzare il programma e conseguire lo scopo del (…) trust. Nomino esecutore testamentario il sig. C.N., persona di mia assoluta fiducia, il [continua..]