Norme di autodisciplina

Come inoltrare i contributi alla rivista.

Valutazione articoli

Libri ricevuti.

home Procedura di revisione e indicazioni per gli Autori

Procedura di revisione e indicazioni per gli Autori


 

Tutti i contributi pubblicati nella Rivista, ad eccezione dei commenti della Sezione Massimario e della sezione Osservatorio e di quelli specificamente indicati, sono sottoposti in forma anonima ad un giudizio di idoneità alla pubblicazione a doppio cieco (double blind peer review) tra pari.

Una preventiva valutazione viene svolta dalla Direzione Scientifica che poi si occupa di affidare a membri del Comitato dei Referee scelti a rotazione la valutazione dei contributi inviati per la pubblicazione. La revisione scientifica viene affidata, con il metodo del “doppio cieco”, ad uno studioso (referee) esterno alla Direzione scientifica ed alla Redazione della Rivista, e scelto sulla base della riconosciuta esperienza e competenza rispetto ai temi trattati nel lavoro stesso, nonché sulla base dell’assenza di conflitti d’interessi, da un lato, e di legami particolari (di parentela o affinità, di stretta amicizia, di colleganza nel medesimo Dipartimento o nella medesima Scuola accademica) con l’autore o con l’autrice, dall’altro.
Il contributo è inviato ai valutatori senza notizia dell'identità dell'Autore e l'identità dei valutatori, a sua volta, è coperta da anonimato. Il parere anonimo è inviato all'Autore e ove - dalla valutazione - emerga un giudizio positivo condizionato a revisione o modifica del contributo, la Direzione Scientifica consente la pubblicazione solo a seguito dell'adeguamento del saggio assumendosi la responsabilità della verifica.

I lavori che aspirano alla pubblicazione nella Rivista devono rispettare determinati requisiti o standard redazionali: in particolare devono essere suddivisi in paragrafi, ciascuno dei quali preceduto da un titolo, il quale deve essere riportato nel sommario posto in testa all’articolo. Il lavoro deve essere corredato da note bibliografiche, collocate preferibilmente a piè di pagina.

Il singolo lavoro deve riportare il titolo il relativo abstract in italiano (anche se il lavoro è scritto in lingua inglese o in altra lingua straniera) e in inglese. Devono inoltre essere indicate almeno tre parole chiave in lingua italiana ed altrettante in lingua inglese, dirette ad agevolare il reperimento e la classificazione dell’articolo nelle banche dati nazionali ed internazionali.


  • Giappichelli Social